Home   |   Lista Argomenti   |   La visione della vita.
<< Torna indietro
Username
Password
 
La visione della vita.
 
La visione della vita.
di Geronimo >> 05/12/2011, 13:09
Cosa è il pregiudizio ? Il pregiudizio è una convinzione di avere ragione senza aver affrontato direttamente una propria esperienza o una libera osservazione del proprio pensiero e della propria coscienza. Essere convinti di aver ragione è l’ errore più grande che si possa fare, mette in moto l’ arroganza della certezza del proprio pensiero e la sicurezza che gli altri stiano sbagliando. Il problema di fondo è che giudicare a prescindere prima di aver fatto una esperienza diretta ci fa correre il pericolo di formarci una opinione condizionata delle cose e dei fatti. La cosa che sto riscontrando in questo periodo di osservazione è che non è facile far riflettere in piena libertà le persone. Spesso mi trovo davanti ad un netto rifiuto di esaminare da punti di vista diversi le proprie convinzioni. Le persone che incontro ed alcune tra le più vicine che sono il campo diretto della nostra evoluzione mi fanno capire ogni giorno che passa che il più grande nemico di un essere in evoluzione è proprio la sua convinzione di essere sempre ed immodificabilmente nel giusto. Spesso però ciò che non si vuole riconoscere è che questa convinzione non è frutto di una nostra libera osservazione dei fatti o delle possibilità ma il frutto di un condizionamento esterno al nostro libero arbitrio, questo porta inevitabilmente ad una uniformazione di tutte le nostre convinzioni e di conseguenza a reputare nemici tutte le persone che invece vorrebbero confrontarsi insieme a noi e più che convincerci farci riflettere su punti di vista differenti. Questa ostilità ed in molti casi questa barriera impedisce qualunque scambio di informazioni, qualunque evoluzione che sarebbe sicuramente molto più veloce. In questa epoca assistiamo sempre di più ad una scissione della coscienza e ad un numero sempre maggiore di sconvolgimenti che fino a poco tempo fa non sarebbero mai stati lontanamente immaginati. Se osserviamo bene, i “ nemici ” più acerrimi di questo cambio di coscienza sono le persone più vicine a noi, spesso nel nostro ambiente o campo di osservazione della vita si aprono battaglie molto dolorose che servono a tutti i contendenti per la propria evoluzione della coscienza e della propria visione della vita. Spesso per persone vicine intendo quelle con le quali nessuno di noi avrebbe mai pensato di trovarsi in aperto conflitto, si parla di figli, madri, padri, mogli, mariti, per assurdo il nostro campo di battaglia è proprio la nostra stessa famiglia, persone che amiamo e che continueremo ad amare pur non condividendo lo stesso punto di vista. L’ amarezza più grande è proprio il fatto che le persone in questione ostacolano quello che è l’ evoluzione della coscienza. Forse è per questo motivo che gli eremiti si nascondono negli eremi perché queste battaglie sono spesso dure ma evitandole non si avrà mai una visione completa del senso della vita. Queste persone che sono i nostri più grandi ostacoli sono le persone che più vorremmo svegliare e fargli osservare la nostra visione di vita ma la loro è puntualmente diversa e mai messa in discussione. Questo impedisce qualunque dialogo. Solo osservando le varie possibilità future possiamo farci una idea di ciò che è giusto e del fatto che forse le nostre convinzioni devono mutare per mutare le nostre visioni della vita e del sistema stesso. Cosa è il perdono ? Il perdono è la più grande forma d’ AMORE incondizionato forse esistente, presuppone il fatto che chiunque eserciti questa scelta abbia perdonato qualunque torto subito, un chiaro esempio è stato Gesù. In passato ho esercitato il perdono ma la persona coinvolta è divenuta sempre più convinta di aver ragione su ogni cosa senza aver mai messo in discussione il suo pensiero o le sue convinzioni. In seguito mi sono chiesto perché devo perdonare ? Cosa è esattamente il perdono ? Mi sono reso conto che spesso il perdono presuppone il fatto che la persona che lo riceve è in errore, mentre io ho ragione. Ma se ognuno di noi è libero di osservare il proprio pensiero e le proprie convinzioni significa che ognuno di noi può avere punti di vista differenti o per essere più precisi modi di vedere la vita diversi. A questo punto come si può pretendere di perdonare qualcosa che è solo una osservazione diversa della vita ? Stiamo parlando di trovare dei punti di vista in comune che non si possono imporre perché non si tratta di avere ragione o torto ma di calarsi in punti di vista differenti e solo in seguito eventualmente mutare la propria convinzione. Come dicevano i nativi americani “ Dio preservami dal giudicare un altro prima di aver percorso un kilometro nei suoi mocassini “. Forse l’ AMORE incondizionato è lasciare che ognuno abbia la propria visione della vita in piena libertà anche se essendo un po’ più maturi noi possiamo capire già dove si andranno a cacciare ma in fondo sono loro che devono imparare e di conseguenza evolversi come del resto anche noi. Vivere la vita liberamente non significa fare ciò che si vuole ma ciò che è giusto fare. Buon NATALE a tutti. Ciao ******. Ps. Ognuno impari dalle proprie scelte.
 
Iscritto il: 05/03/2008, 19:23


Messaggi