Home   |   Lista Argomenti   |   Schiacciamento delle vertebre e cefalee
<< Torna indietro
Username
Password
 
Schiacciamento delle vertebre e cefalee
 
Schiacciamento delle vertebre e cefalee
di doctordiapason >> 26/04/2015, 21:19

Salve, mi chiamo Ennio e anche io, come tanti di Voi, sono a scrivere le mie vicende con xxxxxxx

Ciò che racconto, però è sicuramente meno, molto meno di tante altre malattie gravi qui narrate, ma non per questo meno importante dal punto di vista dei meriti di chi mi ha guarito.

Un bel giorno, dopo alcune avvisaglie di fitte alla schiena, non riesco più a trovare una posizione a causa dei dolori lancinanti. Visite e radiografie rivelano il motivo: schiacciamento alle verterbe (se non ricordo male 5L e 1S). Ricordo che il dolore era tanto da farmi persino sdraiare sul pavimento per cercare di trovare una posizione, quanto meno che potesse alleviare un po' quella sofferenza. Non c'era assetto che tenesse: neanche sul letto riuscivo ad addolcire quella tortura.

Apro una piccola parentesi perché vorrei chiarire, innanzitutto, che il sottoscritto è (era), uno scettico e diffidente su questo tipo di trattamento delle malattie; quindi comprendo benissimo chi si scorre con diffidenza queste righe. Comprendo e giustifico, tanto che io stesso, talvolta, nei rapporti con gli altri mi trovo in difficoltà nel raccontare la mia esperienza.

Torno alla mia storia. E' in questa circostanza che conosco xxxxxx in breve decido di provare. Una volta giunto nel suo studio, mi sembrava di essere entrato a far parte di un altro mondo, con persone credulone e che, forse anche io stavo facendo una sciocchezza. Ma la convivenza con i dolori non era cosa semplice, così andai avanti nel provare questa strada.

 xxxxxx non ne volle sapere troppe: mi fece sedere e fece la sua diagnosi, dicendomi di tornare con costanza e aggiunse: "...la terza volta che verrai da me, purtroppo, un po' il dolore aumenterà!!". Mi sembrava tutto irreale: non poteva essere vero!! Comunque tornai e ritornai: dopo qualche manciata di minuti (ora non ricordo con precisione quanto tempo era passato, al massimo possiamo dire un paio d'ore??) ma alla terza seduta i dolori veramente aumentarono. All'incredulità, con il tempo, si faceva spazio una crescente fiducia.
Continuai a frequentare con assiduità le terapie di xxxxxx dopo un po' di tempo i dolori scomparvero. Feci di nuovo la radiografia e le vertebre erano tornate ad una regolare distanza.

Dopo alcuni anni (credo un paio) sono tornato da xxxxxx a causa di continue e violente cefalee, per le quali non riuscivo a trovare alcun rimedio con alcun tipo di analgesico: mi chiudevo in camera al buio, lontano da ogni più piccolo rumore nell'attesa che il tormento passasse. E così sono stato per un po' di tempo fintanto che non mi decisi a venire nuovamente da xxxxxx l'iter è stato lo stesso: frequentare con assiduità le terapie. Ebbene, anche in questo caso, dopo un po' di tempo ho risolto il mio problema.

Come ho già detto, ma tengo a ribadire, credo che i miei casi siano stati sicuramente molto meno gravi di tante altre testimonianze qui riportate, però, assicuro che i dolori che ho provato sono stati davvero intensi e, talvolta, irresistibili. Capisco, perché anche io ne facevo parte, a chi giudica assurdo, illogico e forse anche folle chi tenta questo tipo di guarigione, ma oggi questa mia testimonianza vuol anche far conoscere come si può cambiare quando si vive sulla propria pelle una realtà, difficile (forse impossibile) da spiegare, ma che ti riporta ad essere una persona... "normale".

Grazie, xxxxxx 

Ennio


 
Iscritto il: 18/07/2014, 12:40


Messaggi