Home   |   Lista Argomenti   |   testimonianza
<< Torna indietro
Username
Password
 
testimonianza
 
testimonianza
di ale 15 >> 09/02/2011, 15:42
E' da un po' di tempo che desideravo raccontare la mia esperienza, anche se alcuni di voi già l' hanno ascoltata al pranzo di ottobre dove, rivedendomi nel filmato, mi sono resa conto di non aver concluso, forse per l'emozione, il mio racconto confermando i bei risultati ottenuti , quindi ve la racconto con più calma. A Gennaio 2007, feci una brutta caduta dagli sci rompendomi il legamento crociato e lesionandomi i collaterali. Dopo 6 mesi fui operata ed iniziai dopo poco una lunga riabilitazione, con dei risultati per niente positivi. Il mio ginocchio non andava, avevo dolore nel piegarmi e in alcuni movimenti di vita quotidiana. Il medico che mi ha operato e gli altri successivamente consultati, dalla risonanza non vedevano nulla e l’unica cosa che mi prescrivevano erano tanti esercizi e anti infiammatori. Ancora nessun risultato. Dopo varie visite un medico mi disse che avevo diverse aderenze che mi impedivano il corretto movimento, ma che non si sarebbe preso la responsabilità di operarmi. Decisi quindi, di andare da un altro medico per farmi operare. Nel frattempo mio cugino insisteva dicendomi di andare da ***** ma io ero convinta che queste aderenze dovevo toglierle, così mi feci ben 2 interventi, a febbraio e marzo 2010, per eliminarle; il risultato? Meglio,ma non risolto del tutto. Fare le scale e altri movimenti quotidiani che implicavano il piegamento del ginocchio, mi provocavano dolore quindi potete immaginare come mi sentivo dopo 3 anni che tentavo di sistemare questo ginocchio, insomma ,a 30 anni una vecchietta di 90 anni. Per l’ ennesima volta mio cugino e sua moglie mi dissero di andare da *****alla quale già avevano parlato del mio problema e che disse loro di poterlo risolvere. Una mattina di fine luglio andai da***** con mio cugino. Entrai in quel piccolo studio e subito percepii ,dalle persone che erano lì, la stessa speranza e fiducia che avevano mio cugino e sua moglie ,ogni volta che me ne parlavano di lei. Arrivato il nostro turno entrai nella sua stanza e rimasi sconcertata dal viva vai di persone che entravano e uscivano mentre eri lì con lei ; *****mi invitò con un gesto a sedermi e toccandomi il ginocchio mi disse con voce ferma e decisa,che non avrebbe potuto far nulla e che non mi sarei dovuta far toccare più da nessuno. In quel momento mi cadde il modo addosso: la mia ultima speranza se ne era andata con due parole. Ci rimasi così male che mi dimenticai di chiederle se invece poteva aiutarmi a guarire la psoriasi e la prolattina, cosi chiesi a mio cugino se glielo poteva chiedere la volta successiva che sarebbe andato da lei. Lui le espose il problema e lei le rispose di si. Questa volta iniziai con felicità e speranza ad andare anche perché, per chi non lo sa, con la prolattina alta è difficile avere una gravidanza e, dopo 5 anni di matrimonio, il doppio di fidanzamento e un aborto precoce avvenuto 5 anni fa, sentirmi dire che poteva aiutarmi fu una gioia immensa (visto che la cura per la prolattina non la tolleravo). Voi non ci crederete ma dopo 2 mesi che andavo da ******, il problema al ginocchio ( lei diceva di non poter far nulla), giorno dopo giorno, stava sparendo. Le scale ora, grazie a lei, non sono più un problema! Riesco anche a correre, nuotare, andare in bicicletta e fare tutto senza dolore. Non potete capire che gioia !!!. Anche le analisi della prolattina in poco tempo sono rientrate nella norma e questo mi da una grande speranza. ***** non so come ringraziarti sei veramente unica e speciale il tuo amore supera ogni cosa e la forza che hai in quelle piccole mani e in tutto il tuo minuto corpo è miracolosa! sei una luce di speranza per tutti noi. Attendo con ansia di condividere con te, che stai dandomi tanta forza e coraggio, la gioia di una nuova vita . Ti voglio bene e non finirò mai di ringraziarti e di esserti grata per tutto quello che stai facendo per me, per la mia famiglia e per quelle persone che non ti hanno saputo apprezzare. Sei GRANDE. Un forte abbraccio Alessandra. Un Grazie anche a voi G.e M. che mi avete dato la possibilità, trasmettendomi la serenità e la speranza dell’esperienza che state vivendo, di conoscere****** grazie di cuore e auguro a te G. di poter gioire presto.
 
Iscritto il: 07/10/2010, 15:40


Messaggi