Home   |   Lista Argomenti   |   Una creatura straordinaria
<< Torna indietro
Username
Password
 
Una creatura straordinaria
 
Una creatura straordinaria
di >> 13/10/2014, 19:21

Riassumere in poche righe cosa rappresenta xxxx per me sarebbe davvero riduttivo. Come voler racchiudere l'Universo in una conchiglia. Nel marzo del 2008 una grave influenza gastrointestinale ha aperto le porte ad una serie di disturbi mal diagnosticati che si sono protratti per mesi. Ero debole, stanca, perdevo peso e il mio corpo appassiva giorno dopo giorno nel dover affrontare continue infezioni che non regredivano. Nel giugno del 2009, quando ormai pensavo di essere fuori da quel terribile tunnel (in quel momento del mio angelo custode, come la chiamo io, non ero purtroppo a conoscenza) un altro ben peggiore mi ha trascinata giù fino a spingermi in fondo ad un buio dal quale per un tempo lunghissimo ho pensato di non venire mai più fuori. Le continue infezioni vaginali che per mesi avevo avuto altro non erano che il segnale di una fistola che si è puntualmente presentata con una violenza e un dolore difficile da descrivere. Dal 2 giugno fino alla metà di settembre i medici hanno aspettato che l'ascesso si riducesse e permettesse loro di trattare la fistola... Quello che nessuno avrebbe mai immaginato dopo il primo intervento, andato apparentemente bene, era che in realtà la sonda che avrebbe dovuto trovare il punto di origine del tragitto fistoloso non l'aveva visto. Così dopo altri 2 mesi di medicazioni con una cicatrice che guariva per seconda intenzione, mi sono ritrovata una mattina tra dolori terribili, nuovamente faccia a faccia con una fistola che da semplice quale appariva nel primo intervento, era invece una transfinterica alta complessa. Per chi non conoscesse queste problematiche vi dico solo che l'unico intervento disponibile all'epoca in grado di evitare o quanto meno arginare un danno alla continenza era l'utilizzo del "setone". Un filo di seta ancorato sulla parte interna della coscia che lentamente va a sezionare la parte dello sfintere ammalata per eliminarla...sono stata sotto morfina per vari giorni...Nel mio caso, purtroppo per me (o forse per fortuna perchè mi ha permesso di incontrare lei) il setone veniva applicato in un secondo intervento che già di per se era demolitivo e su una prima cicatrice. Vi lascio immaginare che situazione assurda si sia creata sul perineo...cicatrici retraenti, dolorose, infiammazioni, bruciore, prurito, perdita della corretta anatomia in una zona delicatissima per una donna. Infezioni alla vescica. Cicatrici capaci di spezzare anche dei sogni. Capaci di indurre una ragazza di 33 anni a rifiutare una vita intima, capaci di indurre a rinunciare all'amore, alla possibilità di una gravidanza. Un parto naturale? Mai più con una situazione così delicata. Ho pianto per mesi. Il motivo per il quale scrivo questa testimonianza è per lanciare una speranza, è per tutte quelle persone che come me cadono in un buio profondissimo ma che hanno al tempo stesso la capacità di varcare una soglia. Quello che ha salvato la mia vita è stato credere che possano accadere cose impossibili e così, una sera, dopo aver contattato chirurghi ricostruttivi che mi proponevano interventi ad alto rischio, ho implorato il mio Dio di aprire una porta per me. Ho urlato! "TI PREGO!!!!!!!!!!!! NON PUO' ESSERE TUTTO QUI, NON CREDO IN QUESTI LIMITI! DAMMI UNA SPERANZA!" La sera stessa ho trovato questo forum e sono andata da lei. Mi vengono i brividi perchè durante la prima visita mi ha subito detto "Stai tranquilla, tornerà tutto come prima anzi meglio di prima". Mi viene da piangere solo a ripensarci. Non ho mai avuto un dubbio, mai una esitazione ma ancora una volta la vita aveva deciso di mettermi alla prova. Sono riuscita con immensi sacrifici a fare su e giù dalla Puglia per un periodo ma purtroppo ad un certo punto, mi è stato impossibile. Ma per lei niente è impossibile, IMPOSSIBILE è solo una illusione! L'amore non ha limiti, l'amore vero cura qualunque cosa e così mi sento io adesso. Avvolta da un amore grandissimo. Posso confermare che xxxxxx è venuta a trovarmi a 700 km di distanza e che durante una terapia a ditanza mi ha avvolta in una spirale di energia bellissima. IO CI CREDO. Bisogna fare spazio dentro noi stessi, lasciare cadere i nostri limiti, lasciare andare le nostre paure. Afferrare forte forte quella mano meravigliosa e tenerla stretta. "Io sono sempre con te". Sono state le sue ultime parole per me che acora paurosa le chiedevo di non abbandonarmi. Grazie di esistere xxxxxx, io sto guarendo da tutto, lo sento prima ancora di vederlo, e la cosa più straordinaria è che la mia anima e il mio cuore, che avevano delle cicatrici ancora peggiori di quelle fisiche, sono illuminate da una luce nella quale ho sempre creduto. Quella che fai tu.  Al di la di chi mi considera pazza. Sono sempre stata fuori dalle righe e per mia fortuna lo sarò per sempre.  Abbraccio tutti  con immenso amore e tutte le persone meravigliose che con me stanno condividendo questo percorso incredibile. Gli ELETTI, questo penso di noi che abbiamo aperto il cuore. Ringrazio pubblicamente questo ragazzo fantastico che ha messo nero su bianco la più bella storia che io abbia mai letto nella mia vita e della quale mi sento partecipe. Leggete il libro,  TI RACCONTO DI LEI è il più bel regalo che possiate mai fare a voi stessi e alle persone che amate. Luisa


 
Iscritto il: 01/01/1970, 1:00


Messaggi