Home   |   Lista Argomenti   |   una malattia subdola..la depressione
<< Torna indietro
Username
Password
 
una malattia subdola..la depressione
 
una malattia subdola..la depressione
di alessandrac >> 08/05/2012, 23:26
Carissimi ,non avrei mai pensato di dover scrivere una testimonianza,anzi ,per la verita' negli anni venendo dalla ********,provavo un senso di imbarazzo perche' vedevo malattie " Reali "scomparire,persone che di volta in volta ,miglioravano ed io,per la verita'sentivo di "rubare" qualcosa, perche' se ero li ogni lunedi' e giovedi non era per un problema ma,inizialmente per curiosita',poi per grande stima e affetto nei confronti di *******. Improvvisamente ,la depressione,mai provata nella mia vita (seppur difficile).Una malattia subdola ,che si insinua in maniera impercettibile e solo quando sei nel "buco nero"ti accorgi che nulla ha piu' colore, il cielo ,la vita ,le persone accanto a te sono in bianco e nero. Il dolore e' talmente forte e profondo che la mattina non vuoi svegliarti,perche' sai che appena si apriranno i tuoi occhi un pugno ti fara' piegare in due ,lo stomaco si contorcera' e vorrai SOLO dormire o cercare qualsiasi rimedio per non soffrire piu',sei consapevole che quello che provi passera' ,ma non sai come e quando e vorresti consapevolmente abbracciare qualsiasi rimedio anche il piu' estremo. La depressione e' un male oscuro e, solo chi lo attraversa sa con certezza ,che,o qualcuno ti tende la mano o sarai sempre piu' fagocitato in una spirale dove l'unico desiderio e' quello di annullarsi. ****** mi ha teso quella mano,spesso ha chiuso quella porta che mi separava dal dolore degli altri ed ha fatto proprio il mio dolore. Sono passati sette mesi ed ora mi riconosco, sto scalando gli psicofarmaci,ma soprattutto sono serena perche' mi sono sentita avvolta dall'amore di ******,ho sentito forte la SUA FORZA,i suoi occhi,il suo sorriso si sono posati su di me e, il calore del suo abbraccio ha guarito le mie ferite ma,soprattutto mi ha dato la consapevolezza che anche a me era destinato il dono della presenza di ****** nella mia vita. Ho capito che Lei e' qui per noi,e non fa differenza che la malattia sia del corpo o dell'anima,siamo tutti accomunati dal dolore ma anche dal senso di appartenenza a questo gruppo.Siamo tutti li per "guarire" con la consapevolezza che proprio perche' guarire e' un DONO,come tale deve essere trattato, difeso e soprattutto RISPETTATO. Grazie ********perche' quando vengo da te so di trovare quella porta aperta,ma,dico a tutti, PROTEGGIAMO Lei e quel luogo,perche' un giorno ,per la nostra poca riconoscenza potrebbe essere chiuso e allora chi ci tendera' "gratuitamente" e con immenso amore quella mano ? A.C.
 
Iscritto il: 08/05/2012, 22:19


Messaggi